SUPERLEGA: CAMPIONATI A PORTE CHIUSE FINO AL 3 APRILE

Condividi su Facebook

Campionato
Pubblicato il 06-03-2020 da Luca Campobasso
Immagine
Immagine.
William Hill IT Italiano

 

Si dovrebbe parlare di sport, di pallavolo. Si dovrebbe gioire riguardo al fatto che manca meno di un mese ai playoff. Invece l’emergenza coronavirus incombe sempre di più e le gioie lasciano posto ai dolori. La paura del contagio si fa sempre più maggiore, tanto che il presidente Cattaneo è stato portato a prendere una decisione molto difficile (da accettare soprattutto): lo svolgimento dei campionati a porte chiuse. Ciò che trapela dal suo messaggio è la necessità di assumere decisioni in aggiunta alla tutela dei tesserati vista come “la nostra stella polare”. Da Sabato in poi, a partire da Cisterna-Verona, le partite si svolgeranno senza pubblico. 

In un clima in cui a dominare è la paura e l’inquietudine, il mondo della pallavolo cercherà di affrontare questa situazione di squadra, di gruppo unito di fronte a quella che può essere vista come un’evidente difficoltà, cioè la mancanza di pubblico sugli spalti. Mancherà quindi il sostegno principale di ogni squadra, i tifosi. Mancherà la loro esultanza, la loro passione, i loro cori, la loro volontà di sostenere il team che loro stessi amano. Ma ciascuna squadra deve sapere che non sarà abbandonata, sarà sostenuta da lontano perché il mondo della pallavolo non si nasconde dietro alle difficoltà ma le affronta con coraggio e con la testa alta. Certi che la paura a fatica diminuirà, questo è il momento di farsi forza e restare uniti. 

                                                                    Martina Albertini