QUESTA ITALIA CI PIACE!

Condividi su Facebook

Pallavolo
Pubblicato il 15-09-2019 da Luca Campobasso
Immagine
Luca Campobasso.
William Hill IT Italiano

I ragazzi di Blengini vincono 3-1 contro la Romania. Martedì si gioca contro la Bulgaria dell’italiano Prandi.

Bella, concreta e vincete: questa è l’Italia che ci piace!
Gli azzurri hanno disputato un match che ha evidenziato comunque alcuni tratti di sofferenza, soprattutto nel terzo set. Zaytsev e compagni hanno reso il servizio il loro fondamentale migliore
(15 ace totali) riuscendo a sconfiggere i rumeni per 3-1.
Quest’oggi abbiamo visto una bella Italia in crescendo; un’Italia che pian piano prende forma in vista delle prossime due sfide chiave del girone contro Bulgaria e Francia.
Sestetti
L’italia parte con Giannelli in regia, Zaytsev opposto, Lanza-Juantorena schiacciatori-ricevitori, Anzani-Piano al centro e Balaso e Colaci che si alternano rispettivamente in fase di difesa e ricezione. Molto efficace l’ingresso di Nelli in battuta (ben 5 ace totali) La Romania schiera la Bartha-Lica diagonale , Aciobanitei_Bala in banda, Mihalcea-Spinu centrali e Kantor libero. Coach Pascu dà spazio anche alle sue riserve soprattutto nell’ultimo set.

La gara
Primo set: Si parte con un punto a punto ma sin dai primi scambi si capisce già che è un’Italia  diversa rispetto a quella che abbiamo visto contro la Grecia. Il primo vero break è di Anzani con un
buon turno dai 9metri (dal 12-11 al 14-11). L’Italia dilaga con la battuta di Zaytsev (19-13); nel finale Nelli mette a segno tre ace consecutivi che valgono l’1-0 per gli azzurri.
Secondo set: Parte molto bene la squadra di Blengini che fa ancora la differenza al servizio e mette in mostra uno straordinario Balaso in difesa. In campo si vede solo una squadra, la
Romania fatica moltissimo. Il servizio pungente di Nelli mette nuovamente in difficoltà gli avversari e due ace di Giannelli chiudono il set.
Terzo set: Questa volta la Romania inizia a mettere più pressione agli azzurri che faticano in cambio palla anche a causa di un servizio avversario più insidioso. Si procede con un punto a punto a distanza, l’Italia è sempre in svantaggio di due punti. Sul 24-20 avversario e nonostante un errore arbitrale imperdonabile, con il cuore e con la grinta Giannelli e compagni annullano tre set ball. Un tocco di seconda di Bartha porta la sfida sul 2-1.
Quarto set: Non pensa al parziale precedente l’Italia ripartendo da un turno al servizio molto importante del neo entrato Candellaro (dal 4-2 all’8-2). La squadra di Blengini procede in scioltezza anche se i muri avversari non mancano. Un servizio in rete di Gheorghita consegna la partita agli azzurri.
Pian piano, questa Italia prende forma. Pian piano ritorna ad essere l’Italia che ha battuto la grande Serbia nel girone di qualificazione olimpica.
Adesso si comincia a fare sul serio. Abbiamo bisogno di un’Italia ancora più concreta di quella di oggi. E sicuramente servirà la migliore Italia per battere Bulgaria e Francia.

                                                                                                                                                           Martina Albertini